Una piccola costellazione

Uscirà a febbraio 2019 un romanzo che, idealmente, chiude una triade (non una trilogia) aperta nel 2011 con Il demone a Beslan e proseguita nel 2015 con Il giardino delle mosche. Non mette conto, ora, di parlare di questo libro nuovo, e nemmeno forse di annunciarne titolo ed editore. Ci sarà tempo per tutto questo. Adesso è tempo di fare un altro ragionamento, di dire qualcosa di cui mi sono reso pienamente conto in anni relativamente recenti, e che non ha a che vedere soltanto con quanto ho scritto dentro i romanzi che compongono questa triade, ma con quasi ogni cosa che ho scritto e pubblicato da quel 2011.
Continua a leggere “Una piccola costellazione”

Annunci

Death by Hunger

1393272_b5ac91a3A fine luglio 2015 sono stato ospite di una Summer School per traduttori letterari organizzata dal British Centre for Literary Translation – un centro studi dedicato alla traduzione fondato nel 1989 da W.G. Sebald presso l’University of East Anglia a Norwich (UK). Un pool di traduttori dall’italiano ha lavorato per una settimana su un mio testo, che per l’occasione era l’incipit di La morte per fame, la prima parte del Giardino delle mosche. Il risultato di questa settimana – alcune pagine di quello che per tutti è stato, mentre eravamo lassù, The Garden of Flies – è oggi a disposizione di tutti sul sito della rivista “New Writing”. Qui.

Continua a leggere “Death by Hunger”

Raccontare ancora.

Su Il Libraio è uscito oggi un mio breve articolo che prepara l’uscita del Giardino e che ruota attorno a due concetti fondamentali: rileggere (ma in un modo un po’ particolare) e riscrivere. O meglio: scrivere ancora e ancora.

Ho perso il conto di quanti siano, nella mia vita di lettore, i libri che ho letto che parlano della stessa cosa. Esiste infatti un pugno di argomenti che catturano il mio interesse in modo febbrile: l’Olocausto, per esempio, o lo stalinismo o, ancora, le avventure per mare; esistono periodi che considero “miei”: vorrei aver letto tutto ciò che è stato scritto nei primi trent’anni del Novecento, per esempio – e non parlo soltanto di letteratura, ma anche di psicoanalisi, di teoria musicale, di fisica… -, e continuo a credere che il momento più fulgido della nostra letteratura sia quel pugno di anni che va dal dopoguerra agli anni Settanta, quando a scrivere c’erano i Volponi, i Parise, le Morante.

Continua a leggere “Raccontare ancora.”

Il giardino delle mosche. Genesi del testo

Quando avevo circa sette mesi, alla fine del 1978, Andrej Čikatilo commise, in modo quasi inconsapevole, il suo primo omicidio: quello di una bambina di nove anni dagli occhi grandi e distanti, Lena Zakotnova. Dodici anni e cinquantacinque omicidi consapevoli più tardi, in seguito a una caccia da parte delle autorità che si era fatta sempre più affannosa e che si era inasprita almeno dalla metà degli anni Ottanta, Čikatilo fu arrestato. Era la fine di novembre del 1990, l’Unione sovietica si apprestava a cadere e finalmente, sui telegiornali di tutto il mondo, compariva il volto di questo uomo debole e spietato. Continua a leggere “Il giardino delle mosche. Genesi del testo”

Il giardino delle mosche

11896040_10207508581577238_6450497653055747196_nIl nuovo romanzo uscirà giovedì 17 settembre per l’editore Ponte alle Grazie. Si intitolerà Il giardino delle mosche e in queste settimane vorrei raccontare due o tre cose intorno alla sua concezione e alla stesura che mi sembrano interessanti per inquadrare il libro e l’idea che lo sostiene.
Il giardino delle mosche è la storia, raccontata da lui medesimo – anche se non tutto è quello che sembra – di Andrej Romanovič Čikatilo, il “mostro di Rostov”: un uomo apparentemente normale che, dal 1978 al 1990, uccise e mutilò, in alcuni casi mangiando parti dei loro corpi, circa 56 persone. Credo che il testo della bandella sia sufficientemente eloquente e dica molto di quel che c’è da sapere: Continua a leggere “Il giardino delle mosche”