Un libro piccolo, però nuovo

Uscirà il 22 ottobre un piccolo libro a cui ho lavorato tra lo scorso anno e questo: si chiama La buona morte ed è, come dice il sottotitolo, una specie di viaggio, o di reportage, nel mondo del fine vita e dell’eutanasia. Lo pubblico con Manni, che circa un anno e mezzo fa mi ha chiesto, tramite Agnese Manni e Carlo D’Amicis, se me la sentivo di lavorare su un tema di cui mi ero già occupato ai tempi del Primo amore. L’idea era quella di non fare il solito libro militante e documentatissimo intorno alle leggi, ai decreti e alle loro eccezioni, ma di guardare il tema da un punto di vista un po’ più laterale e personale: ne è venuto un libro che ha molto a che fare con altri libri, con l’evoluzione del modo in cui affrontiamo la morte, con la mia vita personale e, anche, ma timidamente, con la teologia e una certa idea del mondo. Continua a leggere “Un libro piccolo, però nuovo”