Se stanotte muoio, fa’ così

(Autobiografia per libri posseduti)

A un certo punto di Compro libri, anche in grandi quantità (Utet Libri), Giovanni Spadaccini, libraio reggiano d’occasione e amico mio, scrive un breve capitolo, i cui titolo e attacco ricalco in questo mio pezzo, dove immagina di fare a sua moglie l’elenco dei libri che considera identitari, e che lei dovrà mettere da parte in caso di una sua morte improvvisa. Da molti anni ragiono sulle biblioteche personali come fattore identitario, e sui libri amati come traccia per una (auto)biografia possibile. Dunque, nel giorno in cui Compro libri, anche in grande quantità arriva nelle librerie, do il mio piccolo contributo.

Ecco, allora, se dovrai fare in fretta, comincia da Dostoevskij, perché tutto comincia sempre da Dostoevskij: le Memorie, quelle dal sottosuolo ovviamente, e poi Delitto e i Karamazov; in realtà dovresti prendere ogni suo libro, compresi il Diario e le Lettere, ma sto immaginando che dovrai far stare tutto dentro a una valigia o a qualcosa di trasportabile – magari quelle grandi e resistentissime buste della spesa verdi e blu che abbiamo nello sgabuzzino – e dunque devo fare delle scelte. È bello, dover fare delle scelte: costringe a circoscriversi, a pensarsi davvero. Poi Piovene, e anche qui è dura: io vorrei dormire nella lingua di Piovene. Ma tu prendi Le stelle fredde o Le furie. No, prendi tutti e due. Di Canetti prendi tutto quello che trovi, tranne il teatro e gli aforismi, anche se lui non sarebbe d’accordo. Prendi Il Maestro e Margherita, l’edizione dei Grandi libri, e le testimonianze di Nadežda Mandel’štam e Jan Karski; ancora russi: i racconti di Andreev (quelli curati da Spendel), La terra felice di Platonov, il Makanin grosso, i Racconti di Pietroburgo nell’edizione che ti piace di più, e qualcosa di Čechov per i viaggi che farai. I formalisti russi curati da Todorov, se ci stanno: li hai studiati anche tu, ricordi?
Continua a leggere “Se stanotte muoio, fa’ così”

Racconti di demoni russi: l’indice

Esce oggi l’antologia Racconti di demoni russi che ho curato per Il Saggiatore. Poiché qualcuno me l’ha chiesto, e visto che l’editore lo ha già mostrato sui suoi canali social, metto qui l’indice dell’opera.

71NS5asad5L

I demoni russi. Un frammento
Andrea Tarabbia

 

Prologo in versi

Il demone
Michail Lermontov

 

Parte prima. Demoni immaginari

Scena dal Faust
Aleksandr Puškin

Il Vij
Nikolaj Gogol’

Il concerto dei demoni
Michail Zagoskin

La notte di Pasqua (Leggenda)
Michail Saltykov-Ščedrin

La regina dei baci
Fëdor Sologub

Il sacrificio
Aleksej Remizov

Cosa vidi al sabba
Valerij Brjusov

Il gran ballo di Satana
Michail Bulgakov

 

Parte seconda. Demoni reali

Il diavolo. Incubo di Ivan Fëdorovič
Fëdor Dostoevskij

Il fiore rosso
Vsevolod Garšin

Una Lady Macbeth nel distretto di Mcensk
Nikolaj Leskov

Il monaco nero
Anton Čechov

L’abisso
Leonid Andreev

Il diavolo
Marina Cvetaeva

Uno spavento
Aleksandr Kuprin

Un satana del pensiero
Andrej Platonov

 

Epilogo in musica

Storia del soldato
Opera in due parti con musiche di Igor’ Stravinskij e libretto di Charles-Ferdinand Ramuz

Diario di scrittura del Demone a Beslan

È il pezzo che ho scritto per TuttoLibri della Stampa di sabato 3 aprile

Per molto tempo, mi sono rifiutato di scrivere Il demone a Beslan.

È un romanzo che prova a riscrivere i fatti terribili accaduti a Beslan, un paesone di poco più di 30.000 abitanti perso nell’Ossezia del Nord, uno Stato del Caucaso settentrionale: lì, com’è noto, tra l’uno e il tre settembre del 2004 un commando di 32 terroristi, alcuni dei quali ceceni, fece irruzione nella Scuola n. 1, sequestrando oltre mille persone tra bambini, insegnanti, bidelli e genitori. Per 3 giorni, i sequestratori e le loro vittime convissero nella palestra della scuola, che è il luogo dove il terzo giorno, dopo molte mediazioni andate male, le teste di cuoio russe fecero irruzione contribuendo alla morte di 334 persone, di cui 186 bambini. Questi i fatti, per sommi capi e per come tutti noi li abbiamo seguiti, in diretta, tramite la televisione. Negi anni immediatamente successivi alla strage ho radunato, con la flemma di chi non ha intenzione di lavorare sopra il materiale che accumula, libri, reportages, articoli in varie lingue, fotografie e video di quei tre giorni. Per qualche motivo quei fatti mi attiravano, ma non sapevo perché: del resto, ogni tanto mi capita di preparare dei piccoli dossier su certi fatti o certe figure di cui mi invaghisco, e lo faccio a tempo perso, per creare un archivio personale.

Continua a leggere “Diario di scrittura del Demone a Beslan”

Racconti di demoni russi

Giovedì 22 aprile esce per il Saggiatore un libro a cui tengo moltissimo. Si chiama Racconti di demoni russi ed è un’antologia che attraversa quasi due secoli di letteratura russa e vi scova demoni reali e immaginari: si parla di diavoli, forze impure, possessioni, ma anche di violenza, follia, ossessioni. Ci sono testi di Bulgakov, Dostoevskij, Gogol’, Lermontov, ma anche cose meno note e lette, come Remizov, Sologub, Zagoskin. E ci sono un paio di chicche.

71NS5asad5L

Continua a leggere “Racconti di demoni russi”

Premio Opera Prima 2021

172985745_2910670679257678_3351164560995385147_n

Per il secondo anno, sono il coordinatore del Premio Opera Prima (POP). Il POP è un premio che si tiene nel contesto del Master in editoria della Fondazione Mondadori di Milano e consiste, in sostanza, di un premio e una menzione: il premio va al miglior libro d’esordio dell’anno; la menzione va al libro con la migliore cura editoriale.
Il mio lavoro consiste nel selezionare i dieci titoli di partenza e nel coordinare i lavori del premio; gli allievi e le allieve del Master decidono la cinquina e una giuria allargata vota i vincitori.

Tra i dieci di quest’anno ci sono romanzi storici, biografie, storie di ossessioni, saghe famigliari, romanzi di formazione: c’è tutto, o quasi tutto, quello che si può fare con la scrittura. Sono libri – è questo ciò che mi interessa maggiormente quando faccio il lavoro di selezione – che rivelano una voce, a volte già matura, a volte solo promettente, ma insomma: sono libri che dicono che sono nati degli autori e delle autrici che faranno altri libri forse grandi, perché hanno una visione della letteratura e del mondo e hanno trovato una forma per raccontarli. Non è poco. Non è poco per niente.

La serata di proclamazione sarà a Milano mercoledì 30 giugno, presso la sede della Fondazione Mondadori o presso il Laboratorio Formentini per l’editoria (non lo sappiamo ancora, perché dipenderà dalle norme anti-Covid in vigore).

In bocca al lupo ai dieci romanzi del POP 2021.