La formula per raccontare tutto

Sul sito dell’Aula di lettere di Zanichelli è uscito un articolo in cui provo a fare il punto su una cosa che vado raccontando da tempo quando vado nelle scuole a parlare di letteratura.

«C’era una volta…
“Un re!” diranno subito i miei piccoli lettori.
No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno.»

Così comincia Pinocchio. È, a suo modo, un incipit sorprendente per molti motivi. Collodi, infatti, decide di cominciare il suo romanzo come la più classica delle favole: «C’era una volta…». Ma immediatamente si interrompe e lascia che siano i suoi lettori a intervenire nel testo: “Un re!” esclamano. Che cosa sta succedendo? Come si comportano i lettori di Pinocchio? Come, con ogni probabilità, ci comporteremmo tutti di fronte al più classico degli incipit: immaginando un mondo narrativo dove si muovono re, regine, forse draghi, e dove ci siano incantesimi, boschi incantati e lieti fini con matrimoni e grandi festeggiamenti. Insomma, C’era una volta si porta dietro un immaginario, e Collodi lo sa. Così decide di ribaltarlo, di impoverirlo: con «No, ragazzi, avete sbagliato» sembra quasi voler dire «No, ragazzi, quella che state per leggere non è una favola, ma un racconto reale: non ci sono mostri né animali parlanti né tantomeno re e regine; qui c’è, anzi, un pezzo di legno». Infatti continua così:

«Non era un pezzo di legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d’inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze.»

Ci toglie tutto: non soltanto i re e i draghi e gli incantesimi, ma anche il luccichio tipico delle favole. Qui tutto è ordinario, grossolano, “da catasta”: quel pezzo di legno sembra la cosa meno raccontabile che ci sia al mondo.
Che storia è quella che si annuncia nelle prime righe di Pinocchio? È una controfavola, una non-storia, o almeno così sembra. Invece, nel giro di qualche riga, avviene un piccolo prodigio: mentre Mastro Ciliegia sta per dargli il primo colpo d’ascia, il pezzo di legno tira fuori una vocina sottile sottile che lo implora: «Non mi picchiar tanto forte!». Eccoci, è arrivata la magia: siamo di nuovo a pieno titolo dentro una favola. Siamo di nuovo, verrebbe da dire, nel C’era una volta…

Continua qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...