Circa due anni fa ho scritto per la rivista Studio questo ritratto di Michail Chodorkovskij, l’oligarca anti-Putin di cui oggi cade il decimo anniversario dell’arresto. Il pezzo, ovviamente, non è aggiornato (per esempio vi si dice che Chodorkovskij sarebbe stato liberato nell’ottobre dell’anno 2012, e invece così non è stato), ma può avere senso se qualcuno ha voglia e tempo di capire di chi si sta parlando anche in Italia in questi giorni. Notizie sempre aggiornate sulla sua situazione – e, di riflesso, sullo stato dei diritti umani in Russia – si trovano sul sito dell’associazione AnnaViva: qui.

Nella prima metà degli anni Novanta, in piena era El’cin, l’ex sabotatore Tolja Ermolin ricevette a casa una telefonata in cui lo si invitava a presentarsi di persona, il giorno successivo, presso gli uffici della Menatep, una delle prime banche private sorte a cavallo del tracollo dell’Unione Sovietica. Ermolin non aveva il conto presso nessuna delle filiali della Menatep, né tantomeno conosceva qualcuno che vi lavorava. Arrivato all’appuntamento, fu accolto da Michail Chodorkovskij, l’oligarca fondatore della banca. Chodorkovskij e Ermolin sono quasi coetanei, e, all’epoca, avevano circa trent’anni: il primo dei due, nato nel 1963, sarebbe diventato di lì a poco l’uomo più ricco di Russia e, secondo un numero di «Forbes» del 2004, il sedicesimo uomo più ricco del mondo. Nato a Mosca in una famiglia di origini ebraiche, Chodorkovskij era divenuto, negli anni 80, mentre frequentava i corsi di chimica all’Istituto Mendeleev, uno dei capi del Komsomol locale: di lui si diceva che sarebbe diventato uno degli apparatčik più in vista del Partito. Ma della perestrojka, Chodorkovskij aveva capito una cosa che pochi, in Russia, capirono, ossia che le riforme avviate da Gorbačëv si sarebbero presto rivelate un colpo mortale alla vita dell’Urss, e che chi poteva doveva sfruttarne le falle per inserirsi nel libero mercato.

[Continua qui]